05 Febbraio - 31 Marzo 2021
Bioggio, Casa comunale

 

Nell’ambito della programmazione culturale promossa dal Comune di Bioggio

è presente presso la Casa comunale di Bioggio

 

l'esposizione

 

dal  5 febbraio 2021


ORARI -  Visita su appuntamento.

 

Le esposizioni sono come sempre sostenute da Banca Raiffeisen Malcantonese, AIL SA e Tenuta Bally & Von Teufenstein Vezia.

 

 

La collezione d’arte contemporanea del Comune di Bioggio:
l’eco di una comunità.

 

 

In quasi 22 anni 86 mostre di cui 49 con catalogo, una media di 4 eventi l’anno che hanno coinvolto 50 critici, poeti e artisti per le presentazioni e hanno proposto almeno 4'000 opere alla fruizione collettiva: in questi numeri sta la storia espositiva del Comune di Bioggio svolta nel Municipio dopo la ristrutturazione ultimata nel 1999.
Il progetto, promosso dalla collettività, si è realizzato attraverso il contributo di Ferruccio Frigerio, che già in un articolo apparso su un quotidiano nel 2013 è stato considerato cuore e azione dell’iniziativa.
Questa sintetica, ma anche puntuale definizione ci fornisce la testimonianza di un esteso e continuativo impegno da parte di chi a suo tempo ha contribuito a porre le linee guida per le mostre, cioè la generosa messa a disposizione da parte dell’ente pubblico di uno spazio espositivo adeguato agli artisti moderni e contemporanei ticinesi, il lavoro di chi conseguentemente ha valutato le singole scelte espositive attraverso una costante partecipazione al contesto artistico e culturale cantonale e di chi ha realizzato, di volta in volta, gli allestimenti impostati sulle singole esigenze coordinando i gruppi di lavoro e seguendo la redazione grafica dei cataloghi affidata alla figlia Amalia e i contatti con la stampa.
Essenziale nel progetto è stato il cuore, in altre parole la passione, la fede per i nostri artisti. È grazie a questo che col passare delle stagioni si è dato forma a quello che si è rivelato essere un contributo autorevole e concreto nella salvaguardia di un’identità a cui purtroppo raramente chi si occupa di queste cose si presta se è vero che nei decenni trascorsi, essenzialmente rivolti alle contaminazioni artistiche proprie della globalizzazione, le proposte museali sono radicalmente cambiate nella direzione del richiamo di un pubblico sempre più vasto e le associazioni artistiche, quali la SPSAS, oggi Visarte, a partire dal nuovo millennio si sono completamente rivoluzionate adeguandosi a nuove esigenze comunicative sia dal profilo tecnico che concettuale.
Iniziative come queste sono diventate allora essenziali nella preservazione di un retaggio culturale recente e nel riconoscimento di quelli che chiamiamo valori locali.
Nell’impegno profuso e nella continuità, ma anche nei documenti prodotti, quanto è stato fin qui fatto qui compendia alcuni dei contributi fondamentali alla cultura artistica del secondo dopoguerra nel Cantone quali le quasi 250 mostre della Galleria Mosaico diretta da Gino Macconi a partire dai primi anni Sessanta o quelle della Galleria Tonino di Campione d’Italia, condotta per 47 anni da Antonio Giannattasio a partire dal 1967 e a cui si prestò il critico d’arte Eros Bellinelli.

In un periodo non facile per la comunicazione d’arte, anche a causa della contingenza pandemica del momento, per Bioggio è maturato il momento per ritagliarsi un breve periodo di riflessione su cui calibrare i futuri interventi e proporre un bilancio sul lavoro svolto.
Si è così deciso di allestire una prima mostra della collezione d’arte che si è formata in questi due decenni, riproponendo 35 artisti che qui hanno esposto, fra essi 8 scomparsi di cui qualcuno va considerato storico avendo contribuito a caratterizzare, segnare almeno un mezzo secolo della nostra cultura.
Fra questi citiamo Ugo Cleis (Diepflingen 1903-1976 Mendrisio), uno dei maestri della calcografia svizzera dagli anni Quaranta agli anni Sessanta e poeta, lui venuto d’oltralpe, del paesaggio del Mendrisiotto di cui ci ha lasciato impronte memorabili assieme a un Ernst Max Musfeld o un Samuel Wülser; poi Luigi Taddei (Brè sopra Lugano 1898-1992 Albonago) che al Municipio di Bioggio ha affidato una sua testimonianza di rilievo nella sala del consiglio comunale col grande dipinto su 3 pannelli dal sapore nostalgico che delineano il paese con le sue campagne e il lavoro contadino e, sul pannello di destra, la più recente industrializzazione. Accanto a questi vorrei ricordare un artista mai abbastanza considerato quale Hermanus van der Meijden (Utrecht 1915-1990 Neggio) che viveva in condizioni modeste in una vecchia casa di Neggio del quale ricordo la fisionomia con la sua barba lunga quasi da eremita e che è stato tra i primi pittori astratti nel luganese del secondo dopoguerra rimanendo sempre coerente e fedele a una precisa impronta stilistica memore di uno dei pionieri internazionali dell’arte astratta, Alberto Magnelli.
D’obbligo ancora citare quella meteora che usciva dagli schemi del suo tempo ed è stata capace per qualche anno a cavallo verso il 1980 d’affascinare un vasto pubblico non solo ticinese, quel Hans Binz (Soletta 1949-2001) di cui ci ricordiamo ancora bene, e una deliziosa Mucci Patocchi Staglieno (Genova 1929-2006 Breganzona), forse meno ricordata, ma che è stata una pittrice dal tratto sottile, specie nelle sue delicate incisioni, ma anche essenziale e rigorosa nell’impaginazione, capace, proprio per questa sua sintesi formale, d’affidarci pagine memorabili.
A questo piccolo nucleo si aggiungono artisti contemporanei in cui coesistono da due a tre generazioni, e in cui la comunicazione è andata spaziandosi in ambiti sempre più variegati, dove tutto convive a riflesso di una società sempre più complessa e individualista.
Una sintassi stilistica ulteriormente frammentata ha dato così origine a un caleidoscopio stilistico. All’informale ancora classico, ancora sulla linea dell’autorevole scuola lombarda del secondo dopoguerra di un Gianni Realini (Sorengo 1943- ) o quello più nordico di un Peter Fitze (Teufen 1952- ), si affiancano con naturalezza le trame vibranti fatte di trasparenze e accostamenti calibrati di una Felicita Duyne (Zurigo 1958- ) o di una Loredana Müller (Mendrisio 1964- ).
In Margareth Perucconi (Soletta 1940- ) la visione del reale appare sospesa nella liricità diventando un racconto sul limite di un simbolismo orientaleggiante, mentre in Eftim Eftimovski (Carev Dvor 1949 ) questo è aspro, mordente, ed ancora in un Marco Prati (Viganello 1955- ) si lascia andare alle sinuosità eleganti del segno e in Marco Lupi (Mendrisio 1958- ) riposa sulla concretezza di un immaginario popolare quasi che le sue immagini fossero graffiate su un vecchio muro.
In alcuni autori la testimonianza offerta è sostanzialmente critica, e può diventare lacerante nelle potenti pennellate e segni urgenti di un Fra Roberto (Bellinzona 1933- ) col suo grido che rivendica la pietas o in un Antonio Lüönd (Lugano 1947- ) che coltiva, letteralmente coltiva, il suo disegnare legato a un espressionismo in senso lato che corresottotraccia da un Goya a Johann Robert Schürch, a Edmondo Dobrzanski, per stare alle nostre latitudini. Infine la liricità del dittico di Sergio Piccaluga (Varese 1934- ).

Queste parole introduttive alla mostra, che troppi autori hanno dimenticato, rimandano ogni ulteriore considerazione alla fruizione della mostra che nel suo insieme offre uno spaccato, pur parziale, della complessità contemporanea e con essa della nostra stessa identità in cui ogni centralità si è persa nel dubbio e nelle incertezze.
L’arte ci offre una testimonianza e quella che ci è prossima riflette la nostra condizione stessa assurgendo ad eco, a quella voce che resterà nel tempo di una comunità, delle sue aspirazioni e dei suoi timori.
Soffermandoci su quest’ultimo aspetto la raccolta che qui comincia ad esser sottoposta al pubblico trova la sua ragione e cifra diventando un’occasione di confronto non solo con degli artefici, ma alla fine anche con noi stessi.

 

Paolo Blendinger
Torricella, 18 gennaio 2021

 

Indirizzo

Cancelleria Comunale
Casella postale 169
6934 Bioggio

Contatto

091 611 10 50
091 611 10 71
cancelleria@bioggio.ch

Care cittadine, cari cittadini,


vi informiamo che fino a venerdì 5 marzo 2021 i nostri sportelli sono chiusi al pubblico.


ATTENZIONE: Le persone che necessitano di presentarsi fisicamente presso la nostra Amministrazione comunale, hanno la possibilità di chiamare e fissare un appuntamento!

 

 



Segretario comunale

Massimo Perlasca

 

Collaboratrici/collaboratori

Sabina Jakupi

Patrick Collenberg

Simona Reimann

Alessandra Zappa

 

Orari

lun 16.00 - 19.00
mar, mer, ven 9.45 - 11.45
gio 11.00 - 14.00

Servizi comunali

Amministrazioni superiori

Aiuto

Non hai trovato le informazioni che
stai cercando? Contatta la cancelleria

 

Richiedi informazioni

Utilità

Sitemap
Stampa la pagina
Area riservata
Credits

© www.bioggio.ch