Esposizione Gianni Hofmann

24 Aprile - 07 Giugno 2015
Vernice
venerdì 24 aprile 2015 alle ore 18.30
Gianni Hofmann è nato nel 1952 a Lugano.
Dal 1966 al 1971 ha frequentato la scuola d'arte di Lugano diretta da Pietro Salati.
Dopo un periodo trascorso in vari atelier di grafica e decorazione, ha ripreso gli studi. Dal 1972 al 1975 ha seguito il corso unico per la formazione di docenti di disegno, attività artistiche e lavoro manuale presso lo C.S.I.A. di Lugano. Dal 1975 al 2010, ha insegnato educazione visiva nella scuola media di Gordola, dove vive e lavora.
Gianni Hofmann afferma: “Ho un bisogno viscerale di gestire ogni singola parte che compone l’immagine. Devo controllare il segno nel suo insieme di segni. Evidenzio il segno con rilievi, incisioni e superfici diverse e manipolo la materia e il colore”.
Nel suo tracciato artistico, definisce con il segno-scrittura alcuni elementi che a volte costituiscono una chiave di lettura dell’opera e contestualizza il singolo quadro all’interno di una serie di lavori. “L’altra contaminazione l’altra reminescenza” è una mostra che guarda alle immagini divulgate sulle pareti delle grotte preistoriche, alle immagini d'incisioni rupestri. Non solo: per Gianni Hofmann, l'esposizione è un pretesto per spaziare nella memoria del tempo. L'artista rielabora simboli tratti da un passaggio di informazioni che graffiti ed incisioni rupestri indicano, raccontando della storia dell’essere umano che si ripete nei romanzi della vita. Sono simboli di caccia, fertilità e di una vita primordiale, ma anche contaminazioni di simboli che rappresentano battaglie e approvvigionamenti, sesso, morte, amore.
Gianni Hofmann incide il vetro acrilico, la creta, disegna su acetati che poi sovrappone evidenziando la mescolanza del tempo e dei segni, per proporre la riflessione che nulla cambia e tutto si muove. Crea un alfabeto che va da arcani ritrovati a significati ipotetici. Usa tecniche miste, incide e spalma pasta acrilica, creta e mescola pigmenti adagiandoli su supporti scelti.
Con minuziosa premura elabora i connotati di segni che hanno travalicato barriere meteorologiche e termiche, che hanno superato ere storiche e millenni di cambiamenti climatici portando una storia che rappresenta il percorso della razza umana. Sembra che il tema primario sia sempre stato lo stesso: la sopravvivenza. Dalle influenze quasi magnetiche delle incisioni sulla pietra reperite con la “tecnologia della rete” e dai testi cartacei vari, Gianni Hofmann ha tracciato una personale legenda di simboli trasportando i diari di un tempo in spazi alternati a costruzioni formali ottenute con l'uso di pigmenti di terre varie.
Dentro le caverne di oltre 30'000 anni fa gli impulsi creativi erano liberi, determinati a lasciare tracce e segnali di una definizione territoriale che era necessaria come spazio vitale. Erano segni primordiali, segni che avevano una valenza narrativa e un pensiero simbolico. Gianni Hofmann esprime una lettura di tali segni lasciandosi sorprendere da interferenze contemporanee e usando un suo personale e delicato modo esecutivo. Le sue immagini diventano soggettive e lasciano spazio ad un'interpretazione laica e contemporanea oppure a un'interpretazione della memoria, a ciò che era stato e, forse, a ciò che sarà. I suoi punti di riferimento visivi si spostano da un sobrio alfabeto a un altro senza epoca, oppure anche ad una registrazione dell’ istante costruito deliberatamente reinterpretando a sua immagine e somiglianza allegorie e metafore e supposizioni quasi visionarie.
Con l’avvento della tecnologia, che è cresciuta in modo esponenziale, il tutto è diventato ovvio tanto che quasi nessuno vede oltre il velo dell’apparenza. Il motivo principale dell’esistenza globale, il diritto alla vita, si è trasformato in una lotta per il potere. Gianni Hofmann riporta tutto a uno stato primario, pur restando con l’immagine all’essenza del simbolo. Dai suoi segni emerge una contaminazione con immagini impresse nella memoria che hanno caratterizzato la storia. Gianni Hofmann illustra eventi vissuti in scenari sconosciuti. Segna profondamente in un immaginario collettivo suggestioni e testimonianze che indicano reminiscenze prima che subentri l’oblio delle origini.
 
Nando Snozzi 2014
..
 

Indirizzo

Cancelleria Comunale
Casella postale 169
6934 Bioggio

Contatto

091 611 10 50
091 611 10 71
cancelleria@bioggio.ch

Segretario comunale

Massimo Perlasca

 

Collaboratrici

Sabina Costa, Giulia Pisano, Simona Reimann, Alessandra Zappa

 

Orari

lun 16.00 - 19.00
mar, mer, ven 9.45 - 11.45
gio 11.00 - 14.00

Servizi comunali

Amministrazioni superiori

Aiuto

Non hai trovato le informazioni che
stai cercando? Contatta la cancelleria

 

Richiedi informazioni

Utilità

Sitemap
Stampa la pagina
Area riservata
Credits

© www.bioggio.ch